Cerca nel blog

venerdì 23 ottobre 2015

IN EQUILIBRIO LUNGO IL CONFINE: Viaggio in Thailandia parte 3

E finalmente lasciamo la metropoli per raggiungere quel luogo che ha gusti e odori tipici dei posti familiari: Mae Sot. 

Il viaggio dura circa 9 ore, tragitto che punta verso nord ovest la sua corsa, lenta ( perlomeno nel primo tratto) e dondolante, in cui lo scenario più bello sono distese e distese di verde smeraldo dove viene coltivato il prezioso cereale che non manca mai in ogni tavola orientale: il riso ! - come per noi occidentali è il pane...insomma, è proprio il caso di dire che il mantra same same...but different calza a pennello!


Strada facendo si possono ammirare già da lontano imponenti statue di Buddha dorati dislocati solitamente in prossimità di qualche tempio; e come scordare le miriadi di piazzole dove sono posizionate le, tanto colorate quanto protettrici, casette degli spiriti (qui a sinistra) verso le quali i thailandesi riversano molte delle loro preghiere e ringraziamenti, oltre che richieste di protezione e benedizione il tutto culminante in svariate offerte in cibo, succhi di frutta e incensi.

L'ultimo tratto di strada che unisce Tak a Mae Sot, si percorre in circa un paio d'ore. Un sali e scendi pieno di tornanti e di lavori in corso che mette a dura prova lo stomaco e la vista dei passeggeri che, se è la loro prima volta, non hanno di certo messo in conto che questo viaggio possa trasformarsi improvvisamente come le montagne russe di Gardaland. Inoltre è un ottimo momento per tirare in campo tutte le religioni che si conoscono, con l'aggiunta gratuita del pacchetto vita "all inclusiv " di scongiuri, per chiedere intensamente di giungere sani e salvi e senza pezzi mancanti.

Superfluo specificare che in questi tre anni è sempre andata bene; il peggio che ci è capitato son stati guasti più o meno importanti all'autobus, tipo porte che non si chiudono, problemi al motore o freni che non frenano ma...son dettagli!

La meta tanto attesa, dopo aver passato i controlli all'ultimo ceck point, si avvicina e il cuore vibra per la felicità e inizia silenziosamente a canticchiare la canzone "HAPPY" di Pharrell Williams, note che vanno in crescendo appena i piedi poggiano terra, mentre gli occhi hanno gia' incrociato gli sguardi dei nostri amici birmani che ci attendono insieme all'ultima nata: Stellina!

Tralascio le emozioni di questi incontri perché sono parte intima di un legame prezioso più dell'oro.

Leggi la prima parte dell'articolo... clicca qui
Leggi la seconda parte dell'articolo.... clicca qui
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

siamo anche social

Condividi su Facebook   Seguimi su Twitter   Seguimi su Google Plus   Instagram